fbpx

L’alfabeto del vino: B come Boisé

Boisé (bwa.ze), termine per indicare la parola “legnoso”. Questo termine si utilizza molto spesso durante l’esame olfattivo della degustazione del vino. Vediamo insieme cosa intende un sommelier quando usa questa parola.

vino profumo legno

Nel vino sono presenti tantissime sostanze volatili odorose e proprio ad esse si lega strettamente la gradevolezza del vino. Le sostanze odorose che possiamo scoprire durante una degustazione appartengono a diverse categorie che solo in parte sono state identificate. Il nome scientifico di tutte queste sostanze in degustazione viene sostituito dal nome del frutto – fiore – spezia che richiama il suo odore (es. acetoina = mandorla, geraniolo = rosa, glicinizzina = liquirizia, ecc).

I sentori presenti nel vino si dividono in tre gruppi fondamentali: primari, secondari e terziari. I profumi primari sono quelli intrinsechi delle uve impiegate per fare quel tipo di vino. Derivano quindi direttamente dal vitigno: ad esempio il pepe nel Syrah, la ciliegia nel Sangiovese o la viola nel Nebbiolo. I profumi secondari, invece, si originano durante il processo di vinificazione soprattutto durante le varie fasi della fermentazione. In ultimo i profumi o aromi terziari si formano durante l’affinamento e l’invecchiamento del vino. Questi aromi si generano prima in botte e successivamente in bottiglia.

Quando il vino diventa “boisé”

botti rovere boisé

Durante la maturazione in fusti di rovere nuovi o puliti, i profumi primari e secondari si trasformano. Essi acquistano un bouquet più complesso con note speziate e molto spesso legnose. Proprio in questo senso si usa il termine boisé: note di vaniglia, di spezie, di menta, matita, tabacco, che sapientemente armonizzate rendono un vino unico. Esistono varie tipologie di boisé: boisé fenolico (tipico profumo di vaniglia), boisé balsamico (pino, eucalipto, cedro, menta) e un boisé che prende profumi più vicini al sughero o legno di quercia.

Ed è proprio questa complessità di aromi che emoziona e stupisce durante una degustazione in cantina. Lasciatevi prendere per mano da chi del produrre vino ha fatto lo scopo della sua vita. Porterete a casa sensazioni, profumi e amore per il prodotto più autentico generato dal sapiente lavoro dell’uomo e della natura. 

Leggi anche: “L’alfabeto del vino: A come Archetti”

Likes:
0 0
Article Categories:
Wine academy