Vai al contenuto
Home » News » È meglio lo Champagne o il Franciacorta? Scopriamolo insieme!

È meglio lo Champagne o il Franciacorta? Scopriamolo insieme!

franciacorta dall'alto

Le Affinità tra Champagne e FranciacortaChampagne e Franciacorta

Quando si parla di spumanti di alta qualità, la prima domanda che sorge spontanea è: meglio lo Champagne o il Franciacorta? Entrambi questi vini sono celebrati in tutto il mondo, ma quali sono le reali differenze e somiglianze tra questi due tesori enologici?

Per iniziare, è fondamentale sapere che entrambi gli spumanti vengono prodotti con lo stesso metodo di spumantizzazione. In Francia, questo è conosciuto come metodo champenoise, mentre in Italia è chiamato metodo classico. La leggenda narra che il metodo champenoise sia nato in Francia grazie a Dom Pérignon nel tardo 1600, ma recenti studi storici suggeriscono che le origini delle tecniche di spumantizzazione possano risalire all’Italia, addirittura prima del 1700. 

Le Differenze di Terroir

La prima e più evidente differenza tra Champagne e Franciacorta è il terroir, ovvero quel mix unico di fattori geologici, climatici, ambientali e culturali che caratterizzano la regione vinicola.regione dello champagne

La regione della Champagne, situata a est di Parigi, ha un terroir di origine marina, ricco di sedimenti calcarei come gesso e marne. Questi terreni sono ideali per la viticoltura poiché trattengono bene l’acqua e permettono alle radici delle viti di idratarsi durante la stagione calda. Inoltre, il clima fresco e le poche ore di sole contribuiscono a produrre uve particolarmente acide e poco zuccherine, perfette per la produzione di vini spumanti con alta acidità e bassa gradazione alcolica.

regione del franciacortaIn contrasto, la Franciacorta deve la sua ricchezza geologica alla formazione di una morena glaciale. Il suolo della Franciacorta è sabbioso e ricco di limo, con detriti organici che favoriscono una viticoltura di alta qualità. Il clima della Franciacorta è influenzato dalla vicinanza del Lago d’Iseo, che mitiga le temperature estive e invernali, creando condizioni ideali per le viti tutto l’anno. Queste caratteristiche permettono alla Franciacorta di produrre spumanti leggermente più alcolici e aromatici rispetto ai cugini francesi. 

Le Differenze nelle Uve

pinot nero

Le uve utilizzate per produrre Champagne e Franciacorta variano significativamente. Lo Champagne è fatto principalmente con Chardonnay, Pinot Noir e Pinot Meunier. 

In Franciacorta, invece, si utilizza Chardonnay, Pinot Bianco e Pinot Nero, con l’aggiunta dell’Erbamat, un vitigno autoctono che sta diventando sempre più importante per bilanciare l’acidità dei vini in risposta ai cambiamenti climatici. pinot bianco

L’Erbamat, trascurato in passato, oggi viene utilizzato perché matura lentamente, evitando di accumulare troppo zucchero e mantenendo un buon livello di acidità. Questo vitigno autoctono è particolarmente prezioso in un uvaggio di Franciacorta, equilibrando l’elevato tenore zuccherino che lo Chardonnay e il Pinot Bianco possono raggiungere a causa del clima più caldo. 

Caratteristiche Organolettiche

Dal punto di vista sensoriale, lo Champagne tende a essere più acido, fresco e minerale, con una maggiore verticalità e una spiccata freschezza. In Franciacorta, i vini sono generalmente più fruttati, aromatici e leggermente più alcolici, con una maggiore morbidezza dovuta al clima più mite.

Satèn: Un’Esclusiva Franciacortinafranciacorta

Una peculiarità della Franciacorta è la versione Satèn, che non ha equivalenti nel mondo dello Champagne. Il Franciacorta Satèn deve contenere almeno il 50% di Chardonnay e affinare sui lieviti per almeno 24 mesi. Con una pressione più bassa nella bottiglia, circa 5 atmosfere invece delle usuali 6, il Satèn offre una consistenza più cremosa e delicata, rendendolo unico nel suo genere.

Conclusione

Dopo aver esplorato le differenze e le affinità tra Champagne e Franciacorta, è chiaro che non esiste una risposta definitiva alla domanda “Qual è meglio?”. Entrambi questi spumanti offrono esperienze uniche, riflettendo i loro terroir e le tradizioni vinicole.

Quindi, la prossima volta che ti troverai a scegliere tra un calice di Champagne o uno di Franciacorta, ricorda che non si tratta di una competizione, ma di un’opportunità per apprezzare le meravigliose diversità di questi vini. E se desideri immergerti completamente nell’esperienza, ti invito a visitare le cantine della Franciacorta. Le degustazioni in Franciacorta e le visite alle cantine in Franciacorta ti permetteranno di scoprire un territorio unico e magico, capace di produrre bollicine con un’anima irripetibile.