Vai al contenuto
Home » News » Degustazione di Vini nell’Alto Piemonte

Degustazione di Vini nell’Alto Piemonte

Un Viaggio Indimenticabile nelle Cantine Piemontesi

Se ti stai chiedendo “Dove fare degustazione vini in Piemonte?“, allora sei nel posto giusto. L’Alto Piemonte è un’area vitivinicola incredibile e affascinante che ha molto da offrire agli amanti del vino. Da cantine come  Enrico Crola a Centovigne, scopriamo insieme un percorso di degustazione attraverso le migliori cantine dell’Alto Piemonte.

L’Alto Piemonte, situato a nord della regione, è un tesoro nascosto tra le Alpi e la pianura padana, con un panorama mozzafiato di vigneti che ricoprono le dolci colline. Questa zona è famosa per la produzione di vini di alta qualità, principalmente da uve Nebbiolo. Scopriamo insieme alcune delle cantine più affascinanti, dove potrai vivere un’esperienza di degustazione indimenticabile.

Vuoi sapere di più sui vini del Piemonte? Ecco una panoramica completa: “Scopri i vini e le cantine del Piemonte


Le cantine dell’Alto Piemonte

Cantine Enrico Crola, sulle colline novaresi

cantine enrico crola alto piemonte

La prima tappa del mio viaggio è stata Cantine Enrico Crola, dove potrai degustare il loro “Colline Novaresi Vespolina DOC”, un vino dal colore rosso rubino e dal gusto asciutto e armonico. La cantina offre un panorama mozzafiato e un’esperienza di degustazione di vini autentici e di qualità.

Il vino si presenta di un colore rosso rubino e sorprende il palato fin dal primo assaggio. Caratteristico è il profumo molto fruttato tipico di questa tipologia di vino. In bocca risulta asciutto e molto armonico, aggrega le papille gustative e le porta tutte verso un gusto fruttato che è ben presente e verso altre note speziate molto armoniose.


Degustare il Chiaretto a Cantina Fontechiara

fontechiara vini chiaretto

Continuando il mio viaggio enogastronomico lungo le colline dell’Alto Piemonte mi sono imbattuto in Cantine Fontechiara, immersa nel verde tra le colline Novaresi. famosa per la produzione di vini naturali e vegani. Il loro “Colline Novaresi Rosato Chiaretta DOC”, un vino rosato fresco e fruttato, è perfetto per la stagione primaverile ed estiva.

Questo vino si ottiene facendo fermentare le uve senza le bucce e impiegando una filtrazione molto leggera prima dell’imbottigliamento. È un vino rosato che dona al palato una notevole freschezza e questo lo rende perfetto per la stagione primaverile ed estiva. Ha un profumo molto accentuato e fruttato e risulta essere molto gradevole e persistente in bocca.


Vini rari a Madonna dell’Uva

Cantina Madonna dell'uva bottiglie di nebbiolo

La terza cantina sul mio tragitto è stata Madonna dell’Uva, una piccola cantina dalla lunga tradizione vitivinicola.dove potrai degustare il loro vino di punta, il “Colline Novaresi DOC Nebbiolo Elena”. Questo vino rosso, dal sapore fruttato e dai tannini pesanti, è uno dei migliori vini da meditazione che potrai assaggiare.

Il loro prodotto di punta è senz’altro il “Colline Novaresi DOC Nebbiolo Elena”. Il colore è un rosso rubino, il profumo è assolutamente caratteristico e rustico, molto intenso. Il sapore è altrettanto caratteristico, un gusto molto fruttato tipico dei frutti rossi, di notevole struttura e tannini molto pesanti.


Podere ai Valloni, in mezzo alla natura

Podere ai Valloni. Rispettando l’ambiente e puntando sulla sostenibilità, Podere ai Valloni offre un’esperienza di degustazione autentica. Il loro “Boca DOC Vigna Cristiana” è un vino rosso minerale e delicato, ideale da abbinare a piatti forti come selvaggina, formaggi e secondi di carne.


La Psigula, dove nasce il Bramaterra

cantina La Psigula Vino Bramaterra

La Psigula. Un’azienda vincola nata solo recentemente, all’ombra dell’antica torre medievale di Curino. La cantina è a conduzione familiare e la produzione è ancora limitata, sebbene in espansione.

Alla Psigula avrai l’opportunità di assaggiare il loro “Bramaterra DOC”, un vino rosso granato, pieno e asciutto, con ricchi tannini e una piacevole acidità. Questo vino si apprezza sorso dopo


Centovigne, un antico castello da scoprire

Centovigne, che si trova all’interno della tenuta dell’imponente Castello di Castellengo. Da secoli questo Castello è celebre per la produzione del vino; il nome della cantina deriva dalla numerosa quantità di piccoli vigneti sparsi nell’area circostante. Lo speciale terroir di origine glaciale marina ospita uve Nebbiolo ed Erbaluce, che poi si affinano all’interno delle cantine settecentesche.


E con quest’ultima cantina il mio viaggio nell’Alto Piemonte è terminato. È stata un’esperienza di visita e di degustazione davvero straordinaria. A volte si tende a identificare il Piemonte vitivinicolo soltanto con le Langhe, Roero e Monferrato, ma questa Regione è molto di più.

Se ti ho incuriosito e vuoi scoprire questa zona, clicca qui!